Dennis Madden

Dennis Madden all’età di 8 anni inizia a suonare il pianoforte e a 18 anni acquista la prima chitarra elettrica, ma non sente reale affinità con questi strumenti. La trova finalmente quando inizia a studiare il basso elettrico sotto la guida del maestro Gino Bianco. Contemporaneamente Dennis intraprende gli studi di canto lirico con il maestro Francesco Bencini.

Nel 2006 inizia ad apparire con il basso in raduni del più grande fan site U2 italiano, di cui è stato collaboratore dal 2005 al 2010. L’importante esperienza si conclude con la coordinazione della prima coreografia ad un concerto rock allo stadio Olimpico di Roma per l’ultima data del tour 360//U2.

Successivamente, nel 2007, suona con i Prossima Apertura, party band genovese (attiva dal 2000 al 2015). Entra poi negli Zonasostalimitata, tributo hard-rock. Inizia una collaborazione che dal 2010 porterà per quattro anni il gruppo in giro per la Liguria partecipando a molti festival locali.

Nel 2014 prende il basso degli Altera, band in attività dal 1996 con diversi lavori autoprodotti, un disco produzione Sony “Canto di spine” e la preparazione del secondo volume di “Italia Sveglia!”. La collaborazione degli Altera con Roberto Frek Antoni porta al disco “I love Frek”, dedicato allo stesso Roberto, amico appena scomparso. Con gli Altera trova la possibilità di esibirsi su notevoli palcoscenici partecipando al MEI e manifestazioni musicali nel nord Italia. Il repertorio di collaborazioni con gli Altera conta numerosi grandi personaggi della musica e dell’arte (Di Cioccio, Paolo Fresu, Alessandro Quasimodo, Roberto Frek Antoni, Don Gallo, Alda Merini).

Nel 2014 inizia un percorso parallelo che lo impegna nella liuteria grazie agli insegnamenti del liutaio Antonello Saccu, legato al folk e agli artisti con cui ha collaborato quali Beppe Gambetta, John Jorgenson, Greg Miner, Tony McManus, Doc Watson, Gene Parson, Carlo Aonzo, Paolo Bonfanti. Andrea Carpi.

Nel 2016 collabora con gli Emagrace, new metal per poi nel 2017 diventare il bassista dei Tornado.

Musicista poco tecnico ed essenziale, preferisce lo spirito e il cuore delle bass-line e l’impatto scenico. È amante della subcultura skinhead e del Northernsoul.


principale equipaggiamento:

Boss logoFender logoPeavey logo   Markbass logoYamaha logo